Media/Social
P.I.sede2.png
campanile3.png
P.I.sede2.png

In questa sezione come nelle edizioni precedenti verranno raccolti tutti i video, le foto e le impressioni che i protagonisti avranno il piacere di condividere con tutti voi.

toso ernesto2.jpg

4 Chiacchiere con il decano

un-giornalista-televisivo-intervista-disegno-continuo-di-uomo-d-affari-con-le-mani-mano-mi
Giorgio Chinellato_edited.png

Anche il Consigliere Internazionale Giorgio Chinellato ha voluto salutare gli amici della Route

l 'intervista

Route6-2021 - il Diario, copia incolla dei commenti pubblicati nella chat dell'evento
 

12 settembre, domenica, arrivo a Rapallo, consegna divise Route6 e cena presso il Circolo del Golf della città
Commento dell'organizzazione

Ci dobbiamo scusare con tutti i nostri amici, il traffico trovato non ci ha permesso di arrivare puntuali. Non possiamo andare in diretta ma domani recupereremo sicuramente, però qualche foto della serata possiamo intanto farvele vedere mentre siamo ospiti al Golf Club di Rapallo, presenti il Presidente del Distretto Italia Giorgio Costa, per il Panathlon International Il Consigliere  Internazionale Giorgio Chinellato, Il Governatore Area 4 Liguria Germano Tabaroni, il presidente del Club di Rapallo Adelindo Molinari. Ospiti della serata l’Ass.Allo Sport di S.Margherita Ligure Patrizia Marchesini, il Presidente del  Cons. Comunale di Chiavari Avv. Antonio Segalerga e L’onorevole Roberto Bagnasco.

Cin Cin alla Route6-2021.
 

13 settembre lunedì - il via ufficiale della Route6 dal Gazebo della Musica in Rapallo presenti le autorità. 

Prima tappa RAPALLO-PORTOFINO-RAPALLO-CHIAVARI 

Giorgio Brunetti - Panathlon Schio-Thiene

Questa prima tappa ci ha visti rodare le gravel per una trentina di km e 350 di dislivello, impegnativi più che altro per le tre amministrazioni comunali che ci hanno offerto l’aperitivo. La tappa di questa mattina con un servizio di scorta della Polizia Locale da far invidia alle corse professionistiche.  Entrare in bici al porticciolo di Portofino scortati dalla polizia è stato veramente emozionante ed è valso il sacrificio del buffet ad esso associato!

Domani ridurremo la parte più istituzionale per una tappa da 110km ed entreremo nel vivo della Route, vedremo come se la caverà questa bici ibrida.
 

14 settembre martedì – Seconda tappa Crema – Brescia km. 107

Giorgio Brunetti - Panathlon Schio-Thiene

Questa seconda giornata ci ha visto entrare a gamba tesa nel vivo della Route: 107km lungo la Ciclabile dell’Olio, un percorso estremamente variegato composto al 40% di sterrato.

Pochissimo tempo per fare foto, siamo arrivati in orario a Brescia per il rendez vous con la municipale che ci ha scortati fino a Piazza del Mercato, un arrivo decisamente suggestivo! Suggestiva la location per la notte ANTICA OSTELLERIA e quindi a Cena ospiti del locale Circolo del Tennis-Crema.

15 settembre mercoledì- Terza tappa Brescia- Soave km.112
Giorgio Brunetti
 - Panathlon Schio-Thiene


Lasciata Brescia accompagnati dalle moto della municipale ci siamo avventurati per la ciclovia Brescia-Desenzano, un percorso misto che ci ha portati a Peschiera del Garda, cittadina evidentemente nevralgica per ogni nostra Route dato che finiamo sempre a mangiare ospiti del Panathlon peschierese, menzione d’onore per l’amministrazione comunale in rosa!

Terminato il consueto scambio di doni - ci hanno dato persino una medaglia! - abbiamo proseguito per Verona su un sentiero prevalentemente sterrato arricchito da qualche strappetto che avrei volentieri evitato.

L’arrivo all’Arena di Verona accompagnati dalle immancabili moto della municipale è stato suggestivo, forse per me un po’ meno perché oh, noi (romani) "c’avemo ed Colosseo!"

Sbrigata la questione aperitivo col Panathlon di Verona altri 30km ci hanno infine condotti all’ arrivo a Soave e qui - romanità o meno - l’arrivo al municipio mi ha veramente emozionato.


Giuseppe Falco - Governatore Area01 Veneto Trentino Alto Adige
L'arrivo alla bellissima cittadina di Soave si è svolto nel migliore dei modi con l'assistenza del locale Veloce Club e della Polizia Locale che ci ha scortato sino alla sede municipale in centro storico. Alla sera ottima cena presso la Locanda Ai Capitelli con fenomenale vino bianco, rosso, duello e recioto con amaro Tosolini finale che tutti hanno gradito. Preso impegno con il Sindaco di tornare a rivivere un momento così splendido.


16 settembre giovedì Quarta tappa Soave Bassano del Grappa km.95
Giorgio Brunetti - Panathlon Schio-Thiene

Giornata impegnativa sia sul piano fisico che mentale: siamo partiti da subito cercando di anticipare il maltempo e non abbiamo fatto soste fino al valico di Priabona dove avevamo la pausa pranzo.

Inutile dire che ha piovuto dall’inizio della salita e ha smesso quando ci siamo seduti a tavola per poi riprendere tatticamente quando abbiamo proseguito per Monte di Malo, altro che nuvola di Fantozzi!

Aggirato Schio pregustavo già l’ingresso trionfale a Thiene, mia città d’adozione, quando sono rimasto coinvolto in un tamponamento a catena e sono caracollato sopra il compagno di pedalate Ernesto che era caduto davanti a me.

Tappa interrotta per lui per sicurezza, ginocchio, caviglia e schermo del cellulare grattugiati per me.

Arrivati a Thiene un po’ abbacchiati, ci siamo fermati il tempo per la foto di rito con sindaco e assessore e abbiamo proseguito verso Bassano lungo i monti che costeggiano la Gasparona.

Anche in questo caso la paura del maltempo ci ha spinti ad affrettarci e, tolta una capatina al Piazzale degli Scacchi di Marostica, siamo arrivati senza altre soste con abbondanti 40 minuti di anticipo sul programma.

Chiudiamo la giornata con “soli” 95km ma con ben 925 metri di ascesa totale, bagnati e un po’ acciaccati ma pronti ad affrontare Bassano - Mestre.

17 settembre venerdì quinta tappa Bassano DG - Mestre km. 124

Giorgio Brunetti - Panathlon Schio-Thiene

Come a indicare la conclusione della nostra avventura, le tinte autunnali degli argini del Brenta ci hanno accompagnato per buona parte dei 124km della penultima giornata.

Nonostante fosse la tappa più lunga, la leggera discesa ci ha permesso di goderci appieno il percorso e la settantina di km di strada sterrata.

Il tempo perso per una caduta e due forature - inclusa la mia anteriore! - è stato recuperato con una bella tirata finale sullo sterrato, forti dell’allenamento di questi giorni.

Partiti alle 8 da Bassano siamo arrivati a Mestre dopo le 18.30 stanchi ma certamente appagati.

La fatica di 5 giorni consecutivi inizia a pesare ma sentire l’odore dell’Adriatico dopo essere partiti dal Tirreno è veramente appagante.

Come sforzo fisico la Route è praticamente conclusa: il programma di domani ci impegnerà 30km in bici per arrivare poi in barca a una degna conclusione a Piazza San Marco.

Alessio Ferronato – Panathlon Mestre - delegato per la Route6

Ed eccoci a Mestre arrivo penultima tappa nella quale sono venuti ad accoglierci per l’attraversamento del loro territorio l’Assessore allo Sport del Comune di Marcon Carolina Misseroti e il presidente della Municipalità di Favaro Veneto Marco Bellato. Alla (ultima) cena poi organizzata allo Smart Hloliday Hotel di Carpenedo dove la carovana si è fermata per la notte graditissima presenza per

il Comune di Venezia di :

Ermelinda Damiano Presidente  Consiglio Comunale, Andrea Tomaello Vice-Sindaco e Assessore allo Sport, Sebastiano Costalonga Ass. Commercio e attività produttive

Per il Panathlon :

A parte il Governatore Area 01 Giuseppe Falco regista della Route6 e il Consigliere Internazionale Giorgio Chinellato

I presidenti di Club e partecipanti alla Route6, Leopoldo Fogale Castelfranco V.To, Gianpaolo Milan Rovigo, Carlo Richetti Mottarone, Franco Capasso Fracta Maggiore NA

Altri presidenti di Club non partecipanti Giuseppe Zambon Venezia e Fabrizio Coniglio Mestre.

Veramente una bellissima serata per questa edizione della Route che sabato dopo un breve giro in Mestre, percorrendo da Tessera fino al Parco San Giuliano, un bel tratto della Gronda Lagunare per “tuffarsi” attraverso la ciclabile che porta a Venezia in Laguna dove in Piazza San Marco vi sarà l’epilogo finale di questo bellissimo evento cicloturistico nella Città dove 70 anni fa il movimento panathletico nacque.

18 settembre sabato sesta ed ultima tappa Mestre(dintorni) Venezia P.Roma km. 33 (+)

Alessio Ferronato – Panathlon Mestre - delegato per la Route6 

 

Di buon mattino si parte dallo Smart Holiday Hotel che per la notte ha ospitato la carovana.

New entry in giornata, mia figlia Eleonora, il presidente e il segretario del GS Ciclismo Favaro Veneto, 13 volte campione  Italiano di Cicloturismo.

Bellissimo giro molto poco asfaltato che sfiorando Forte Carpenedo visitando lo stupendo Bosco di Mestre, arrivando al Forte Marghera dove Andrea, il nostro Capo Ciclista ci erudisce di cenni storici molto interessanti sul Campo Trincerato composto da 11 forti a proteggere Venezia da incursioni dalla terraferma, passando anche dal Parco San Giuliano ci faceva raggiungere attraverso la ciclabile sul Ponte della Libertà all’appuntamento dei nostri natanti in Venezia. Il dopo un susseguirsi di emozioni anche per uno nato a Venezia come me e godibile dalle foto.

Impeccabile l’accoglienza degli amici del Club n.1 capitanato dal presidente Giuseppe Zambon, presenti alcuni soci con l’amica Giovanna in testa. Grazie mille da parte di tutti noi.

Giorgio Brunetti - Panathlon Schio-Thiene

Route 6 Du Panathlon - Rapallo - Venezia coast to coast in gravel Sesta tappa, Mestre - Venezia, 30km, 496km totali  

Pedalata conclusiva di questa avventura, abbiamo esplorato i sentieri del Bosco Zaher per poi arrivare al Parco di San Giuliano e a Forte Marghera, 30km di sentieri che ci hanno portato allo Scalo Fluviale senza quasi passare per la cittadina. 

Arrivati al porto commerciale due barche prese a nolo - una per noi e una per le bici - ci hanno condotto alla nostra meta finale: il bellissimo Club della Vela a Piazza San Marco dove siamo stati ospitati per i saluti. 

L’arrivo in un luogo così prestigioso - unito a una visita a sorpresa alla Basilica di San Marco per gentile concessione  del Patriarca di Venezia - non ha fatto che valorizzare le fatiche di questa Route e l’impegno che ci ha portati ad attraversare il nostro paese da costa a costa.

Abbiamo scoperto la bellezza del pedalare in gravel (e le conseguenze sul sedere di centinaia di km sullo sterrato!) ma soprattutto il piacere di condividere un viaggio con persone di provenienza ed età più disparate, tutti accomunati però dai valori del Panathlon.

ARRIVEDERCI ALLA PROSSIMA EDIZIONE

ROUTE7-2022

per tutte le foto (tante) e i video vi rimandiamo al Video pubblicato nella Home di questa edizione, grazie per l'attenzione.

campanile3.png
P.I.sede2.png
campanile3.png
  • Grey Facebook Icon
LogoPanaMondo.JPG
LogoPanaMondo.JPG

© 2021 by Route 6 Du Panathlon - © Studio Ferronato Group.eu