Nasce il Panathlon
P.I.sede2.png
logo.png
Panathlon70mo2.png

Venezia 12 giugno: Viene fondato il Panathlon.

L'idea di Mario Viali è condivisa da un comitato promotore, formato da Guido Brandolini D'Adda, Domenico Chiesa, Aristide Coin, Aldo Colussi, Antenore Marini, Costantino Masotti.

L'atto costitutivo dell'associazione, che assume il nome provvisorio di “Disnar Sport” (disnar è espressione veneziana che significa desinare, cenare), recita:

PREMESSO CHE LO SPORT, IN TUTTO IL MONDO, HA PRESO UNO SVILUPPO TALE DA POTER ESSERE CONSIDERATO, SOTTO MOLTI ASPETTI, UNA DELLE ATTIVITA’ PRINCIPALI DI CIASCUNA NAZIONE,

“ALLO SCOPO DI AFFRATELLARE I VARI SPORTS E DI PROPAGANDARE L’IDEA SPORTIVA SPECIE NEI RIGUARDI MORALI E SOCIALI, IN AFFIANCAMENTO SINCERO ALL’OPERA DELLE FEDERAZIONI SPORTIVE SOTTO LA TUTELA DEL C.O.N.I., PER QUANTO RIGUARDA PARTICOLARMENTE CAVALLERIA, SERIETA’ E DISCIPLINA,

E CHE A TAVOLA SI RAVVIVANO LE AMICIZIE E LE SIMPATIE SI PARLA E SI DISCUTE CON PIU’ FRANCHEZZA E CORDIALITA’ SI ELIMINANO SPESSO, DUBBI, EQUIVOCI ED INCOMPRENSIONI,E CHE LO SPORT DEVE UNIRE GLI INDIVIDUI ED I POPOLI IN UNICO IDEALE A PRESCINDERE DA INTERESSI PARTICOLARI, DALLE CONVINZIONI POLITICHE, DALLE CLASSI SOCIALI E DALL’ETA’,

SI PROPONE:

FONDARE UNA ASSOCIAZIONE COMPOSTA DI UN NUMERO LIMITATO DI MEMBRI, IN OGNI CITTA’ PER ORA ALMENO CAPOLUOGO DI PROVINCIA, SUBITO A VENEZIA, FRA QUALCHE GIORNO NEL VENETO O MEGLIO NELLE TRE VENEZIE, POI (PRESTISSIMO) IN TUTTA ITALIA E SUCCESSIVAMENTE DOPO UN BREVE PERIODO DI ESPERIMENTO IN EUROPA E NEL MONDO.

Ad approvare questo atto costitutivo sono i 24 pionieri che sono i fondatori: Salvatore Brugliera (atletica leggera), Tiziano Calore (tennis), Angelo Cecchinato (ginnastica), Domenico Chiesa (calcio), Aristide Coin (ciclismo), Aldo Colussi (atletica leggera), Pietro De Marzi (tecnico impianti sportivi), Guido De Poli (atletica leggera), Egidio De Zottis (vela), Carlo Donadoni (pallacanestro), Ludovico Foscari (nuoto), Paolo Foscari (motociclismo), Guglielmo Guglielmi (vela), Alberto Heinz (ginnastica), Antenore Marini (golf), Costantino Masotti (scherma), Luigi Pavanello (arbitri), Orazio Pettinelli (pesca sportiva), Aldo Querci della Rovere (medicina dello sport), Gino Ravà (sport invernali), Antonio Scalabrin (nuoto), Alfonso Vandelli (alpinismo), Mario Viali (pentathlon moderno), Mario Zanotti (scherma).

Ci vogliono tre riunioni (3 Agosto, 7 Settembre, 5 Ottobre)per approvare il definitivo nome dell'Associazione: PANATHLON, coniata dal Conte Ludovico Foscari (dal greco pan=tutto/i e athlon, che oggi possiamo tradurre con sport), a cui lo stesso Ludovico Foscari aggiunge, come motto, ludis iungit. Si completa perciò, sinteticamente nell'espressione Panathlon ludis iungit, il Panathlon unisce attraverso i giochi (o lo sport) il significato e lo scopo del club: con quell'espressione si esprime anche il contenuto etico, morale e culturale del club.  La convivialità è un elemento forte. L'influenza del modello rotaryano è evidenziata dalla denominazione di "Rotary degli sportivi", che sarà abbandonata su proposta di Domenico Chiesa nel 1955, per marcare la differenza con quel club service in nome dell'ideologia decoubertiniana. Primo Presidente del Club di Venezia è Mario Viali.

Panathlon International                                            P.I.Distretto Italia 

Pierre Zappelli

Presidente Internazionale

Giacomo-Santini Past President.jpg
giorgio costa.jpg

Giacomo Santini

Past-Presidente Internazionale

Giorgio Costa

Presidente Distretto Italia

Falco-Giuseppe_edited.png
2logo_area1.png

Giuseppe Falco Governatore Area 1

banner.png
campanile3.png
logo.png
  • Grey Facebook Icon
LogoPanaMondo.JPG
LogoPanaMondo.JPG

© 2021 by Route 6 Du Panathlon - © Studio Ferronato Group.eu